RICHIEDI IL TUO PREVENTIVO GRATUITAMENTE

preventivo-banner


Un nostro consulente
risponderà quanto prima
alla vostra richiesta.

FAQ

Quali sono i rischi legati a una gestione non corretta della vettura di cortesia/sostitutiva?

L’auto di cortesia o sostitutiva è un servizio richiesto dalla maggior parte dei clienti presso gli autoriparatori e i concessionari, ma la gestione dell’auto sostitutiva, per la quasi totalità delle carrozzerie, delle officine e delle concessionarie, presenta notevoli rischi civili, penali e amministrativi se vengono usate delle vetture immatricolate per uso privato.
E’ necessario, a tal proposito, porre in essere una serie di accorgimenti/adempimenti per offrire tale servizio alla propria clientela rispettando appieno la normativa vigente.

Cosa si rischia, nello specifico, se non si è in possesso di una licenza di noleggio?
L’auto di cortesia, in caso non si abbia una licenza di noleggio, può essere immatricolata solo ed esclusivamente per uso privato e questo comporta una serie di rischi.
Si cita testualmente l’articolo 84 cds:
“7. Chiunque adibisce a locazione senza conducente un veicolo non destinato a tale uso è soggetto alla sanzione amministrativa del pagamento di una somma da euro 398,00 a euro 1.596,00 se trattasi di autoveicoli o rimorchi ovvero da euro 39,00 a euro 159,00 se trattasi di altri veicoli. 8. Alla suddetta violazione consegue la sanzione amministrativa accessoria della sospensione della carta di circolazione per un periodo da due a otto mesi, secondo le norme del capo I, sezione II, del titolo VI.”
Inoltre:
a) la gestione della vetture con destinazione d’uso privata non consente il recupero di nessun fermo tecnico dall’assicurazione e detrazione fiscale (se non intestata all’azienda);
b) l’officina o il concessionario è responsabile in solido con il conducente e, pertanto, sono a suo carico danni alla vettura, a cose e le sanzioni amministrative (multe). Eventuali dichiarazioni firmate dal cliente permettono nelle sedi opportune di rivalersi nei confronti dello stesso, ma con ingenti perdite di tempo e spese;
c) può esistere il rischio concreto che le coperture assicurative non abbiamo validità in quanto effettuate per vetture per uso privato e non per vetture per il noleggio senza conducente. Questo comporta che, in caso di incidente, la compagnia assicurativa non copre il sinistro;
d) se l’auto viene usata per attività illecite (es. rapina), si rischia il sequestro o la confisca del mezzo oltre al fatto che si può incorrere nell’incauto affidamento;
e) un paragrafo a parte riguarda poi l’annosa questione delle multe che potrebbero essere notificate dopo un certo periodo di tempo dalla chiusura della pratica di noleggio. Nel migliore dei casi tali verbali di accertamento obbligano a un’azione di recupero nei confronti del cliente.
Nel caso le multe non vengano pagate, si rischia il fermo amministrativo del mezzo; inoltre, con l’introduzione dei punti sulla patente, vi è il rischio di dover intraprendere un’azione di opposizione per evitare conseguenze sulla patente dell’effettivo intestatario o su quella dell‘amministratore.
Se, invece, si possiede una licenza di noleggio e la vettura è immatricolata per la “locazione senza conducente”, tutti questi rischi vengono meno e si può procedere con tranquillità verso l’implementazione e lo sviluppo di un vero e proprio business profittevole.

Cosa fare per iniziare l’attività di noleggio a breve termine?
I passi da intraprendere per iniziare tale attività nella propria azienda sono i seguenti:
1) aggiungere il codice di attività “noleggio senza conducente” alla propria Partita IVA: per farlo è sufficiente comunicarlo al proprio commercialista che provvederà a effettuare l’aggiornamento;
2) presentare la S.C.I.A. (Segnalazione Certificata di Inizio Attività). L’inizio dell’attività di noleggio senza conducente di veicoli è soggetto alla presentazione di questa al Comune dove si trova la sede legale dell’impresa, nonché ai Comuni nel territorio dei quali sono presenti le singole articolazioni commerciali dell’impresa stessa (sede commerciale o amministrativa, rimessa dei veicoli, ecc.) a norma del D.P.R. n. 481/2001.
Il Comune, a sua volta, trasmetterà la comunicazione di inizio attività alla Prefettura di competenza.
Generalmente solo se il numero dei veicoli ricoverati in autorimessa è superiore a nove vengono richiesti i seguenti documenti da allegare alla S.C.I.A.: planimetria dei locali e certificato di prevenzione incendi.
A titolo esemplificativo abbiamo citato quanto previsto dal Comune di Milano; la modulistica, in effetti, può variare da Comune a Comune ed è generalmente resa disponibile attraverso il sito Internet istituzionale di riferimento;
3) immatricolare le vetture per la locazione a terzi senza conducente o effettuare il cambio d’uso delle vetture già immatricolate (da uso privato a noleggio senza conducente) recandosi alla MCTC di competenza, chiedendo il duplicato del libretto.
Per le vetture per le quali si cambia la destinazione d’uso, bisogna comunicare l’aggiornamento anche alla propria assicurazione che farà gli adeguamenti dei relativi costi assicurativi.
Non è necessario nessuno dei suddetti adempimenti qualora la vettura venga presa con la formula del Noleggio a Lungo Termine con deroga alla sublocazione o in Leasing con facoltà di noleggio a terzi;
4) dotarsi di un valido sistema di gestione del parco.
Per rendere agevole e, soprattutto, profittevole la gestione di una flotta di noleggio è indispensabile servirsi di un programma di gestione che consenta di effettuare tutte le principali operazioni richieste da tale servizio. A tal fine, gli Affiliati We Drive hanno in uso il nostro sistema gestionale, un facile strumento per la gestione amministrativa ed economica delle vetture.
Il nostro software consente, infatti, la prenotazione delle vetture, la stampa del contratto di noleggio, dei comodati d’uso, dei fermi tecnici e consente il controllo costante della distribuzione e dell’uso del parco.
Il programma gestionale di We Drive rappresenta, inoltre, uno strumento essenziale per la gestione delle multe e dei risultati economici di ciascuna stazione di noleggio.

Perché prendere vetture a noleggio per la gestione del servizio di auto di cortesia?
Da alcuni anni la soluzione adottata anche dai più grandi noleggiatori è quella di prendere vetture in noleggio con la deroga al sub-noleggio e utilizzarle all’interno delle proprie stazioni. Le motivazioni sono diverse, ma sicuramente avere vetture in noleggio consente di:
a) sapere sempre con certezza quanto costano. Riuscire ogni mese a quantificare con facilità i costi giornalieri consente di disporre di un elemento essenziale per determinare le tariffe. Sapendo che una vettura costa, per esempio, 15,00 euro al giorno, si può anche fissare con facilità il margine di guadagno in funzione del suo effettivo utilizzo;
b) le vetture in noleggio sono coperte da assicurazioni ad hoc proprio per il noleggio a breve termine e questo permette di avere dei costi assicurativi minori di quelli che possono spuntare i singoli operatori (officine, carrozzieri, concessionari).
Attenzione: non tutte le società di noleggio concedono la deroga al sub-noleggio, ossia non offrono la possibilità a un operatore di sub-noleggiare a sua volta le vetture ai propri clienti.

Perché entrare a far parte del Network We Drive per iniziare la propria attività di noleggio?
Far parte del Network We Drive permette all’Affiliato di gestire o implementare ex novo la sua attività in maniera profittevole e senza particolari rischi.
Il nostro obiettivo è quello di trovare sempre la soluzione migliore per l’acquisizione e la gestione del parco auto, perciò We Drive consente di avere sempre le migliori offerte di noleggio presenti sul mercato, offerte ad hoc per le coperture assicurative in caso di vetture di proprietà nonché offerte migliori per l’acquisto delle vetture.
We Drive mette a disposizione dei propri Affiliati un software che consente la completa gestione di una o più stazioni di noleggio.

Documenti utili


Clicca sull’icona relativa al documento di tuo interesse per visualizzarlo/scaricarlo.

Art. 82 cds | Destinazione d’uso dei veicoli
Art. 83 cds | Destinazione d’uso dei veicoli – Uso proprio
Art. 84 cds | Locazione senza conducente
D.P.R. 481/2001
Dichiarazione di consenso per autonoleggio (Comune di Milano)
Dichiarazione dei requisiti morali di singolo soggetto per autonoleggio (Comune di Milano)
Mod. TT2119 MCTC

 

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *